Post

In primo piano...

Il 'Bullet', il van di Iverson

Immagine
Per qualcuno potrà sembrare un esercizio di stile, per qualcun altro semplicemente una trasformazione azzardata e fuori luogo ma una cosa è sicura: tutto ciò che prende forma in quell'affascinante terra chiamata California finisce col passare alla storia.
In questo caso siamo davanti ad una trasformazione "tardiva" e decisamente dal sapore più esotico (se vogliamo definirla così), su di una base un po' meno diffusa rispetto a quelle che abbiamo già visto e conosciuto (il Jersey Looker e gli innumerevoli Split trasformati secondo le contaminazioni del vanning) ma che comunque si è prestata bene: un VW T2 'early model', più diffusamente conosciuto anche come Baywindow.
Il minimo comune denominatore è sempre e comunque uno e lo si può riassumere in una semplice parola: custom. Possiamo anche sbilanciarci ed arrivare ad usarne ben due, perché qui ha senso parlare di quality custom.
"Bullet" è il suo nome in codice. Cinque i mesi che ci sono voluti per …

Bologna - VOLKSWAGEN / PORSCHE Autogerma

Immagine

VOSVAGHEN de nott 'Special Final Edition' - Milano

Immagine
Volevo veramente ringraziare di cuore tutti coloro che hanno partecipato numerosi a questo ultimo appuntamento, ma che soprattutto in questi anni hanno animato il VOSVAGHEN de nott e che con la loro presenza lo hanno fatto crescere. Quando si chiude un ciclo non si può restare indifferenti, specialmente se tutto ciò ha portato negli anni tante belle cose positive.
Il Vdn non è cenere fredda e mai lo sarà. Con il suo ricordo è brace, che lentamente e silenziosamente riscalda gli animi e resta viva in noi, come i ricordi più belli, come le cose più indelebili. Mai dire mai. Adesso serve un attimo di pausa, per tirare un attimo il fiato e meditare sul futuro.
A nome di tutto "lo staff" vi voglio ringraziare uno ad uno perché siete stati voi a fare crescere nel tempo questo meeting. Siete stati preziosi, tutti, uno ad uno.
Non si tratta di un addio. E' un arrivederci. E' la chiusura di un ciclo, che non è una fine bensì magari l'inizio di qualcos'altro. Perché c…

40000 VISITE

Immagine

Diario di bordo, raid 4 [reɪd fɔː]: Alé alé! …Terminé!

Immagine
Colmar in questi giorni ha un clima insopportabile, la stessa afa di Milano mescolate al casino turistico di Roma in agosto. Tutto concentrato in una piccola area. Viene quasi voglia di visitarla alle 5 della mattina. Sono le 8 e l’intenzione è quella di levare le tende mentre il sole è distratto da qualche nuvola e non pesta ancora violentemente. Detto, fatto! ...En marche!!
L’autostrada è tutta dritta e monotona fino a Basilea, una sorta di tavolo di vetro leggermente inclinato che fa scorrere ilGEnovese come se fosse una biglia. Basilea: punto in cui stavolta si prenderà la direzione per il tunnel del Gottardo. Perlomeno la salita al tunnel dovrebbe assicurare un po’ di refrigerio con delle temperature più gradevoli e l’aria montana frizzante, la strada oltretutto rispetto a quella di andata è più corta. Piano perfetto se non che viene guastato all’istante da un cartello luminoso che indica una sorta di chiusura autostradale, invitando chi è in direzione Chiasso a procedere per Zu…

Diario di bordo, raid 3 [reɪd θriː]: Le retour en Alsace

Immagine
Raid 3 dicevamo... I giorni trascorsi all'autodromo sono ormai andati. Lo spettacolo è finito ed è tempo di tornare. Con il serbatoio pieno fino all’orlo di benzina del circuito di Spa-Francorchamps e dopo aver fatto il carico di birra, direi che è giunto il momento di ritornare sui nostri passi... ma a metà! Rotta verso sud verso casa quindi, ma con riserva. Il viaggio di ritorno verrà spezzato per renderlo più piacevole e per visitare qualche altro angolo del vecchio continente. Abbiamo ancora un pochino di tempo per noi.
Peccato dover ripartire, eravamo in ottima compagnia...
Il tempio dell'alta velocità: Spa-Francorchamps; la festa è finita, siamo quasi gli ultimi
Una vecchia abitazione lungo la strada, a Malchamps

L’autostrada scivola che è un piacere, è quasi tutta una dolce discesa (stranamente) ed in un batter d’occhio mi ritrovo oltre il confine belga, sull’Autobahn tedesca, che pare un tavolo da biliardo con l’asfalto luccicante come se fosse al metal flake. Anche in q…