Post

In primo piano...

Il 'Bullet', il van di Iverson

Immagine
Per qualcuno potrà sembrare un esercizio di stile, per qualcun altro semplicemente una trasformazione azzardata e fuori luogo ma una cosa è sicura: tutto ciò che prende forma in quell'affascinante terra chiamata California finisce col passare alla storia.
In questo caso siamo davanti ad una trasformazione "tardiva" e decisamente dal sapore più esotico (se vogliamo definirla così), su di una base un po' meno diffusa rispetto a quelle che abbiamo già visto e conosciuto (il Jersey Looker e gli innumerevoli Split trasformati secondo le contaminazioni del vanning) ma che comunque si è prestata bene: un VW T2 'early model', più diffusamente conosciuto anche come Baywindow.
Il minimo comune denominatore è sempre e comunque uno e lo si può riassumere in una semplice parola: custom. Possiamo anche sbilanciarci ed arrivare ad usarne ben due, perché qui ha senso parlare di quality custom.
"Bullet" è il suo nome in codice. Cinque i mesi che ci sono voluti per …

Bærum (Norvegia) - Harald A. Møller, Bekkestua

Immagine

Andøya (Norvegia) - Andøya Auto A/S

Immagine

Wuppertal (Germania) - Dr. Tigges

Immagine

VW & LEGO (parte 4)

Immagine
Prendi tutti i pezzi LEGO che possiedi fin da quando eri bambino (...tanti ...troppi!), aggiungici un po' di fantasia, cerca qualche spunto per realizzare qualcosa di quasi mastodontico e... voilà! Ovviamente le vecchie Volkswagen raffreddate ad aria non possono mancare e quindi le mettiamo come contorno dell'elemento principale: una concessionaria VW in stile vintage e nordeuropeo.
LEGO® VW Karmann Ghia (rossa, scala H0 1:87)
LEGO® VW 1500 Notchback (blu, scala H0 1:87)
LEGO® VW T1 Panel (bianco/blu, scala H0 1:87)
LEGO® System N. 232-2 (Street Signs, 1957)
LEGO® System N. 233 (Light Masts, 1958)
LEGO® System N. 242 (International Flags)
LEGO® System N. 488 (Bricks with Letters, 1966)
LEGO® System N. 490-2 (Trees and Bushes, 1966)







Mille Miglia Austria - Internationale Semperit-Rallye 1972 (Austria)

Immagine
© Artur Fenzlau / Technisches Museum Wien bzw. © Erwin Jelinek Technisches Museum Wien