File 79: Tipicamente italiano (parte 1)

0 Comments
Ci sono una serie di piccoli particolari che rendono unici i veicoli italiani. Unici perché solo loro hanno questi dettagli che non si possono trovare sui veicoli stranieri a meno che non si tratti di un veicolo che ha lasciato il Bel Paese qualche tempo fa.

Ebbene... dopo il restauro totale del mezzo, ho preso la (tanto sofferta) decisione di ripristinare questi particolari, proprio per distinguerlo dagli altri veicoli europei e proprio per dargli coerenza. Oltre alla targa nera italiana originale, gli altri dettagli completano la vera essenza di questo furgone, riportandolo indietro nel tempo, quando qui in Italia si andava fieri di essere una delle potenze mondiali.

Ho iniziato con questa piccola serie di aggiunte, tipicamente degli anni '70. Il tutto verrà completato da un'aggiunta "invasiva" ma che a mio avviso (e non solo mio!) è indispensabile per restituire un'identità a questo veicolo. Quest'ultima aggiunta la vedrete nella seconda parte di questo post.

 L'adesivo velocità se vogliamo è tardivo (fine anni '70, 1977/78 circa) e caduto in disuso abbastanza rapidamente ma... diversi veicoli di una volta l'hanno avuto e lo sfoggiano tutt'ora. A me piace per il suo sapore tipicamente "seventies", nella veste dei 110 km/h perché il veicolo in questione rientra nella categoria motori 1300cc e superiori.

L'adesivo ovale di nazionalizzazione con la "I" di Italia: ...l'orgoglio italiano nasce da qui. 

Beh... ogni vecchia vettura che si rispetti ne ha almeno una attaccata al cruscotto...
Utile in quanto a bordo non vi sono altri sistemi di sicurezza.


Il bollo della tassa di circolazione è un obbligo. Tanto bello quanto ormai non più utilizzato.
Deve esserci... e meglio ancora se come in questo caso i numeri di bollettario e di bollettino stampati sopra coincidono con quelli reali del tagliandino presente nel libretto di circolazione.
...Il dettaglio (anche il più piccolo) fa la differenza!

Le modifiche sono tutt'altro che finite.
A breve altri dettagli.

(...continua)



Ti potrebbero interessare...

Nessun commento: